198 Views |  Like

Grande successo italiano ai Boat International Design&Innovation Award

Questi premi sono tra i più prestigiosi del mondo dello yachting. Per la loro assegnazione vengono presi in considerazione elementi quali l’architettura navale, il design e tutte le caratteristiche di innovazione ed evoluzione che rispondono alla richieste degli armatori.

tankoayachts_898521331

La cerimonia si è tenuta a Cortina il 27 gennaio e ha visto, tra i 21 vincitori ben otto realtà italiane tra cui anche il premio Young Designer of the year, che pur essendo stato assegnato a un ragazzo Taiwanese può essere considerato tricolore perché il ragazzo in questione studia al Master di Yacht Design del Politecnico di Milano.

Ecco la lista dei vincitori e le motivazioni che hanno portato all’assegnazione dei premi.

Riva 110 Dolcevita- Best Exterior Styling Motor Yachts Below 39m 

Riva-110-Dolcevita-Exteriors-awards

Length: 33.5m Exterior and interior styling: Officina Italiana Design/Ferretti

Fra i molti concorrenti di questa categoria i giudici hanno scelto il 110 Dolcevita perché era quello che meglio coniugava le sue linee d’acqua con la sua mission dichiarata.

Le linee pulite ed eleganti e le grandi vetrate dalle linee moderne sono infatti risultate perfette grazie al gioco di colori che creano con la livrea esterna.

 

Cantiere delle Marche Nauta Air 110 Mimì la Sardine -Best Interior Design Motor Yachts Below 299GT 

Mimì la Sardine

Length: 33.1m  Interior designerNauta Design Naval ArchitectCantiere delle Marche/Hydro Tec

I giudici hanno particolarmente apprezzato il packaging di presentazione composto dai rendering prelimonare e dalle foto post varo che mostravano come il cliente fosse stato coinvolto nell’intero processo di progettazione e di costruzione dello scafo. Fondamentale per l’assegnazione del premio è stata l’incredibile quantità di zona storage che Nauta è riuscita a ricavare in un 33 metri. Una richiesta specifica dell’armatore che intende usare Mimì la Sardine per lunghe navigazioni. E anche l’uso di materiali naturali per gli arredi interni.

Mangusta GrandSport 54 El Leon – Best Interior Design Motor Yachts 300GT to 499GT 

MangustaGS_interiors_1

Length: 54m Interior designer: Alberto Mancini/Overmarine Naval Architect: Overmarine/Ing.P.Ausonio

Fondamentale per l’assegnazione del premio a El Leon è stata la capacità mostrata da Mancini e da Mangusta nel riuscire a coniugare l’abitabilità di uno yacht dislocante e l’aspetto sportivo di un open nella stessa barca. Tra gli atout degli interni che gli sono valsi il premio c’è l’incredibile salone che vanta altezze fino a 2,6 metri e vetrate a tutta altezza che permettono di vivere en plein air anche quando si sta comodamente seduti sul divano. L’uso di materiali innovativi di derivazione automobilistica (altra passione di Mancini) e la capacità di inserire tutta l’impiantistica richiesta senza per questo sacrificare spazio sono stati tra  gli elementi fondamentali nella scelta dei giudici.

 

 

Southern Wind Shipyard 96’ Seatius – Best Interior Design Sailing Yachts 

SEatius

Length: 31.4m Interior designer: Nauta Design  Naval Architect: Farr Yacht Design

Che dire di Seatius? In un mondo di barche a vela con interni caldi e accoglienti, ma omologati, lo schema a due colori di questo Southernwind96 non poteva passare inosservato.

 

 

Azimut Grande 32 Metri – Best Naval Architecture Semi- Displacement or Planing Motor Yachts

G32METRI Running 7

Length: 32m Interior design: Achille Salvagni Naval Architect: PLANA (Pierluigi Ausonio)/Azimut

Gli yacht a motore di questa categori a tendono a rispondere alle richieste del mercato e puntano siprattutto sulle prestazioni. Tra i finalisti di quest’anno ce ne sono però stati tre che hanno mostrato un approccio differente. Quello che ha consentito all’Azimut Grande 32 metri di vincere è stato lo sforzo, compiuto dal cantiere su più fronti, per migliorare il comfort e le performance dello yacht tramite un utilizzo ancora più puntuale della tecnologia disponibile: si va quindi dagli investimenti in ricerca e sviluppo, all’utilizzo della fibra di carbonio, fino all’innovativa carena D2P.

 

Custom Line 120 Vista Blue – Best New Production Yacht Design

CustomLine-120-awards

Length: 38.4m Builder: Custom Line – Ferretti Group

Exterior stylist:Francesco Paszkowski Design  Interior designer: Francesco Paszkowski Design/Margherita Casprini

Questa categoria prenia l’innovazione, l’estetica, la ricerca e lo sviluppo e il potenziale commerciale di uno yacht. Ecco perché il lavoro fatto da Francesco Paszkowski e Margherita Casprini insieme al Comitato strategico di prodotto di Custom line che ha permesso di annullare la separazione tra interni ed esterni e ha regalato spunti di interior design mutuati dall’automotive è stato premiato a Cortina. Ai giudici sono piaciute moltissimo le grandi vetrate, specialmente quella che da accesso al pozzetto di poppa e che, divisa in due sezioni, ha una movimentazione innovativa che consente di aprirla a scorrimento o di aprirla a ribalta a 45° fino a farla scomparire nel cielino.

Tankoa Solo – The Game Changer Award 

Solo

Length: 71.9m  Game Changer: Frameless Bulwarks and Glass Walls  Naval ArchitectStudio Ruggiero

Premio importante e impegnativo quello del Game Changer che viene attribuito a quello yacht che riesce a dare, in termini di progetto, processo costruittivo o tecnologia, quel tocco in più che lo rende più comodo e divertente da usare.

E allora chi meglio di Solo, il 72 metri di Tankoa disegnato da Francesco Paszkowski che con le sue murate in vetro ha scardinato, grazie anche all’incredibile lavoro di Viraver, l’azienda italiana che ha prodotto quel vetro, l’idea che una murata interamente in vetro non fosse realizzabile. Alla vittoria hanno però contribuito anche il giardino d’inverno, e la grande piscina infinity del main deck caratterizzata da angoli curvi.

Yihharn Liu – Young Designer of the Year Award 

Manta

Concept name: Manta  Nationality: Taiwanese   College of education: Politecnico di Milano, yacht design master

Ultimo, ma non meno importante, il premio per lo young designer dell’anno. Che è sì taiwanese, ma studia yacht design al politecnico di Milano (che si aggiudica il premio per la quarta volta, la terza di fila). Per accedere a questo prenio era necessario progettare un motorsailer che avesse caratteristiche ben precise: 80 metri di lunghezza e vele Dynarig con una superficie tra i 1500 e i 2000 metri quadrati. Manta, il progetto di Yihharn Liu ha sbaragliato gli avversari grazie alla precisa interpretazione delle caratteristiche richieste, alle linee eleganti e al progetto estremamente previso e ben sviluppato.