205 Views |  Like

Il nuovo numero è in edicola

Il mare non ha confini. Proprio come la creatività e l’ingegno che trovano in questo elemento un’inesauribile fonte d’ispirazione. Non oggi, da sempre. Pensiamo al mondo dell’orologeria per esempio. Potrete domandarvi cosa c’entra. A prima vista poco, ma se facciamo lo sforzo di approfondire il ragionamento ecco che si svela un mondo. Il mare è stato il primo banco di prova per misurare attraverso i cronometri da marina l’esatta posizione di una nave e determinare così la longitudine.

Un settore quello delle lancette che proprio dal mare trarrà ulteriore beneficio facendole diventare un banco di prova e un laboratorio di ricerca dal quale hanno preso vita, all’inizio del secolo scorso, i primi segnatempo subacquei diventati oggi oggetti di culto. Da qui l’idea di creare Sea Time by Top Yacht Designuno speciale dedicato all’argomento che troverete allegato a questo numero della rivista. Dalle macchine del tempo alle barche il passo è breve. E qui entra in gioco un’altra disciplina: lo yacht design. Abbiamo visto come negli ultimi tempi la piattaforma progettuale di una barca abbia subito un’accelerazione mostruosa sostenuta da un mercato sempre più affamato di nuove idee, ma anche dalla necessità da parte dei cantieri di trovare proprio su questo tema il tratto distintivo della loro offerta. Un percorso che per Azimut Yachts culmina proprio nel 2019 in 50 anni di attività nella nautica. Abbiamo voluto dedicare a questa importante ricorrenza uno speciale nell’ambito del quale abbiamo ripercorso, attraverso la lente del design, le tappe più importanti compiute dal cantiere di Avigliana. Un modo, se ancora ce ne fosse bisogno, per ribadire il ruolo e il contributo del made in Italy che in tema di design, anche quello sull’acqua, è protagonista assoluto sulla scena mondiale.