117 Views |  Like

È in edicola il nuovo numero

È in edicola il nuovo numero di Top Yacht Design. Al suo interno anche lo speciale Sea Time.

La formula Explorer continua a tenere banco. Il loro successo sembra non conoscere battute di arresto. Sicuramente gioca a favore il fatto che questa piattaforma progettuale si presti a molteplici interpretazioni. Pur mantenendo inalterato il contenuto, abbiamo visto come la forma può variare in funzione delle richieste. Un terreno fertile sul quale i designer e gli architetti navali hanno dato libero sfogo al loro pensiero creativo. Tra questi spicca il nome di Espen Oeino che ha firmato alcuni tra i progetti più interessanti fin qui scesi in acqua. Un percorso quello del designer norvegese nell’ambito degli explorer iniziato con il refit di un ex peschereccio di altura di 67 metri convertito in yacht e culminato con realizzazioni del calibro di Octopus, REV Ocean e Bold. Proprio quest’ultimo, un 85 metri in alluminio varato lo scorso anno da SilverYachts, traccia una nuova rotta in questo specifico segmento di mercato. Non sono tanto le dimensioni a fare la differenza, quanto i contenuti tecnici. A differenza della gran parte degli Explorer, Bold è stato concepito per offrire prestazioni superiori alla media senza che queste vadano a discapito dell’autonomia. Da qui la scelta di puntare alla massima efficienza idrodinamica. Nonostante gli 85 metri di lunghezza e un dislocamento di 1.551 tonnellate di stazza lorda, Bold ha infatti una velocità di crociera di 18 nodi e una massima di 23 nodi. A 14 nodi ha un’autonomia di 7 mila miglia. La funzione si combina a una forma che sul piano estetico e stilistico trova nuove interessanti chiavi di lettura. Anche qui si vede il tocco di Espen Oeino. Il look vagamente militare si coniuga a scelte che riportano alla memoria il design di Skat, altra creazione del designer norvegese. Anche gli interni hanno seguito una logica svincolata dai cliché. Sono improntati alla massima flessibilità, soprattutto nell’utilizzo degli spazi esterni che possono essere configurati sia come aree per l’intrattenimento sia come zone di carico per tender ed elicottero.