149 Views |  Like

Cloud9

On Cloud9, in inglese, significa “al settimo cielo”.
Non è strano dunque che l’armatore del 74 metri di CRN che ha dominato l’ultimo Monaco Yacht Show abbia deciso di battezzarlo così.

Cloud 9_RunningShot11

Articolato su cinque ponti più un sottoponte, Cloud9 è uno yacht dai volumi imponenti che regala una percezione di grande dinamismo.

CRN_Cloud 9

CRN_Cloud 9

Lo Studio Zuccon International Project ha disegnato un sistema di linee equilibrato che gli conferisce un aspetto slanciato e filante. Merito anche di un piccolo escamotage: le superfici della sovrastruttura si inclinano verso l’interno man mano che ci si sposta verso l’alto, alleggerendo i volumi, senza nulla togliere all’imponenza dello yacht.

LD_barbeachclub

«Al momento del varo ho realizzato quanto l’impatto estetico fosse più forte di quel che avevamo prospettato in fase di design», spiega l’architetto Gianni Zuccon.

MD_MainSaloon1

«E questo credo sia uno dei migliori complimenti che si possano fare a un’imbarcazione», conclude. Se esternamente Cloud9 ha un aspetto moderno, ma timeless al tempo stesso, il suo layout sembra pensato per godersi la barca e il mare in totale libertà.

LD_boardingfoyer

Per non parlare della tecnologia, che domina tutto lo scafo ma è invisibile all’occhio degli ospiti. Tutti gli impianti audio, video, entertainment e illuminazione di bordo sono stati customizzati da Videoworks che li ha integrati nella struttura e negli arredi.

MD_mainsalondetail

Le casse acustiche, giusto per fare un esempio, sono le Revolution Acoustics SSP6, che possono essere installate direttamente sulle superfici facendole vibrare e generando un suono tridimensionale che viene equalizzato da un processore audio DPS in base all’ambiente in cui si trovano e al materiale su cui sono montate.

MD_MainSaloon2

Videoworks ha anche installato a bordo una rete comprensiva di sistemi di sicurezza, gestione della banda e server farm con possibilità di controllo da remoto.

OD_OwnerCabin2

Queste soluzioni permettono al cliente di gestire la velocità di navigazione, i consumi, di proteggere i sistemi di bordo da intrusioni e quindi di ottenere il massimo dal sistema di entertainment.

OD_OwnerCabin1

Gli interni, e le zone ospiti esterne, sono firmati da Winch Design. Uno degli ingressi a bordo è dal ponte inferiore dove è stata realizzata una lounge rivestita in teak con intarsi che formano un motivo ad onde voluto per creare un trait d’union fra esterno ed interno. Su questo stesso ponte ci sono la cucina, l’area equipaggio e due garage, di cui quello di sinistra si apre con una piattaforma di 25 mq che scende a pelo d’acqua.

OD_ownersuitedetail

A poppa c’è il beach club di 60 metri quadrati, che diventa un’ampia area lounge di 100 metri quadrati inclusi il bar interno e la zona living.

UD_BeautySaloon

Il main deck ospita un grande salone open space a poppa e sei cabine ospiti. A dividere la zona giorno dalla zona notte c’è una Spa con terrazza.

UD_Uppersaloon1

L’upper deck accoglie l’area dining versatile che crea un unico ed ampio spazio con il salone panoramico, e offre un’esperienza indoor-outdoor grazie alle vetrate a tutta altezza che, aprendosi di 120°, consentono di pranzare o cenare all’aperto;

UDVIPsuite1

la cabina vip con una maestosa vetrata laterale apribile; la plancia con la cabina del comandante, un’area living a prua con divani, e una zona relax che può essere ombreggiata da un bimini top.

Tra le cose più insolite e affascinanti di questo yacht c’è il quarto ponte: 400 metri quadrati riservati all’armatore con sala multimediale e terrazza privata.

UD_bow5

Il sun deck è forse l’unico ponte “tradizionale” arredato com’è con lettini prendisole e idromassaggio.

OD_ownersuite

Tutti gli interni di Cloud 9 sono caratterizzati dal legno di rovere declinato in lavorazioni e colori differenti e dalle tonalità neutre, ma calde, degli arredi, che sono ravvivate da tocchi di blu disseminati su tutti i ponti. I dettagli dallo stile marino sono preziosi, ma non appariscenti.

OD_Ownersuite 1

Colpiscono le molte opere d’arte. Splendido, per esempio, è il pannello in porcellana tridimensionale, opera dell’artista britannica Fenella Elms, sopra al divano del salone; o le due sculture Vortex di Tim Royall che le stanno ai lati.

OD_BowTerrace

E che dire dell’affresco che decora le due pareti di poppa dell’upper deck con un riposante cielo a pecorelle? O della decorazione a bassorilievo con un motivo di foglie intrecciate che orna la suite armatoriale? Cloud9 in definitiva è uno yacht prezioso, che non ama però apparire.

OD_foredecklounge2

Eccezion fatta per la passione degli armatori per Star Wars che si manifesta nelle targhette delle cabine, rappresentanti ciascuna un personaggio della saga. Passione che ha raggiunto il suo apice il giorno del varo quando le note trionfali della colonna sonora del film di George Lucas hanno accompagnato il primo bagno di Cloud9. Quel giorno la famiglia dell’armatore al settimo cielo lo era di sicuro.