245 Views |  Like

Varato il quinto Vitruvius di Philippe Briand

Vitruvius Yachts ha annunciato il varo del suo quinto yacht, il primo yacht costruito da Feadship.

AALSMEER - ROYAL FLORAHOLLAND - TRADEFAIR 2018

Najiba, questo il suo nome, è un 58 metri in alluminio ed è il secondo più grande mai costruito in questo materiale dal cantiere olandese.

AALSMEER - ROYAL FLORAHOLLAND - TRADEFAIR 2018

Il design di Najiba è il risultato di tre anni di intensa collaborazione con l’armatore un intenditore di design e di architettura, al suo terzo yacht.

AALSMEER - ROYAL FLORAHOLLAND - TRADEFAIR 2018

La scelta è non a caso caduta su Philippe Briand e sul suo team, di cui l’armatore apprezza particolarmente l’approccio al design e all’architettura ispirati dall’uomo Vitruviano di Leonardo Da Vinci.

AALSMEER - ROYAL FLORAHOLLAND - TRADEFAIR 2018

Tra le sue richieste inderogabili c’era quella di avere uno yacht che fosse interamente customizzato sui suoi desideri, ragion per cui la scelta del cantiere è caduta su Feadship  che vanta un pedigree d’eccezione nella realizzazione di custom yachts.

WIP Najiba bow

L’approccio tecnico del progetto verte principalmente sulla chiglia, estremamente efficiente, progettata da Briand e tratto distintivo, insieme alla prua verticale, degli yacht firmati Vitruvius.

Vitruvius Feadship 58m MY Najiba_6

Grazie a questa carena il consumo di carburante scende, con Najiba, a 11,5 litri per miglio nautico, a una velocità di 12 nodi (la massima è di 16) che è praticamente un record per uno scafo con un Gross Tonnage di 880.

Vitruvius Feadship 58m MY Najiba_7

La riduzione delle emissioni di carbonio è del resto uno degli obiettivi che Briand si pone con il suo lavoro.

Vitruvius Feadship 58m MY Najiba_8

La sostenibilità ambientale, e nel mondo dello yachting in particolare, gli sta particolarmente a cuore tanto che il designer francese è uno dei membri fondatori della Water Revolution Fondation, di cui è presidente Henk de Vries, Ceo di Feadship.

Vitruvius Feadship 58m MY Najiba_10

Gli interni sono di Guillaume Rolland dello Studio Christian Liaigre.