507 Views |  Like

Nauta 78 Slipstream

«Portare la vita di bordo il più vicino possibile al mare, alla natura, al suo ambiente e quindi poter godere al massimo di quello che c’è attorno allo yacht». È dal 2007 e dalla presentazione di Project Light, l’80 metri che ha segnato una svolta nel design di megayacht a motore, che Nauta Design, lo studio milanese di Mario Pedol e Massimo Gino, pone questo obiettivo al centro di tutte le sue realizzazioni.


«Siamo stati i primi» sottolinea Mario Pedol, «a dedicare nel progetto di un megayacht molto più spazio all’esterno rispetto a quello destinato all’interno. Un’innovazione rispetto a quello che proponeva allora il mercato. Riteniamo infatti che l’unico motivo per investire in yacht che hanno dimensioni navali sia quello di poter godere nella maniera più diretta possibile di quello che c’è attorno». 

E questa filosofia èsi ritrova anche nel nuovo progetto di Nauta Design, il Nauta 78m Slipstream, lungo 78,40 metri per 13 metri di larghezza. Un progetto sviluppato al massimo livello, quindi pronto per la costruzione, e che si distingue per una soluzione progettuale coperta da un brevetto targato “Nauta Design”. Si tratta di una serie di piattaforme abbattibili che realizzano, a un metro dal pelo dell’acqua, una successione di spazi che consentono un percorso continuo e circolare attorno alla zona di poppa. «Il brevetto sta per completare il proprio iter». spiega Pedol.

«L’idea è stata quella di realizzare un percorso che abbracciasse su tre lati, su 270 gradi, la poppa dello yacht. Per comporlo abbiamo inserito un elemento di collegamento tra le terrazze che si aprono sul mare sui fianchi dello yacht a livello dei locali del beach club e quelle costituite dai fianchi dello scafo a livello del giardinetto, che pure loro si aprono sul mare, e sono la prosecuzione della grande e consueta terrazza di poppa. In questo modo si realizza un unico e livellato piano di calpestio che permette, in assoluta libertà, di andare da un lato all’altro dell’imbarcazione. Passando dal beach club interno o dalla poppa. È questo concetto di circolazione senza ostacoli e la sua soluzione che abbiamo brevettato. Non per impedire ad altri di applicare questa soluzione, ma per formalizzare la proprietà intellettuale della nostra idea», prosegue Pedol. 

Un’idea che ha sollevato molto interesse e che rende unico il Nauta 78m Slipstream con il suo esteso beach club che, tra spazi interni e terrazze sul mare, raggiunge i  225 metri quadrati di superficie. E sul quale gli ospiti possono muoversi scegliendo, per esempio, se stare al sole o all’ombra, o se avere questa o quella visuale sul paesaggio attorno. «Abbiamo deciso di chiamare questo concept di zona lounge a poppa con le piattaforme apribili The Island perché si è davvero circondati dal mare», conclude Pedol.

Un’isola dotata di tutti i comfort, visto che il progetto prevede nella zona interna anche un bar e un salotto con vista sui fondali marini grazie un pannello di cristallo. È questa una della particolarità degli interni che, esattamente come il design degli esterni, mostrano chiaramente come questo progetto sia firmato da Nauta. Quanto le linee del profilo sono pulite, essenziali, leggere, con lunghe aperture che segnano il ponte principale e i due superiori, con i loro slanci equilibrati, tanto il design degli interni, ancorché allo stadio di proposta, è all’insegna del costante contagio tra interno ed esterno.

Un esempio è lo spazio destinato all’armatore che si sviluppa, all’insegna delle trasparenze, sull’intero ponte superiore e che comprende, oltre ai locali di servizio, anche una lounge e una dinning room riservate alla famiglia. Due spazi per altro da usare in ogni clima visto che possono essere chiusi con vetrate realizzando ambienti climatizzati. La suite armatoriale vera e propria, collocata a prua del ponte, ha un de hors privato dotato di Jacuzzi, spettacolare e unico. «La connessione tra interno ed esterno è anche negli spazi sociali», spiega ancora Mario Pedol. «Per esempio, il salone al ponte principale, che supera i 100 metri quadrati di superficie, è direttamente collegato con il living all’aperto che ha quasi la medesima estensione». 

Grandi spazi, costante dialogo tra ambienti interni ed esterni, linee pulite, a tutto questo il Nauta 78m Slipstream aggiunge, grazie alla propulsione di progetto ibrida diesel-elettrica, la possibilità di installare un parco di batterie di nuova generazione per passare alla propulsione carbon free. Un ultimo elemento caratterizzante per un progetto assolutamente riconoscibile nel suo Nauta style, equilibrato e personalissimo, e che Mario Pedol, si spinge a definire sexy. «Ha linee morbide e attraenti. E mostra subito tutte le funzioni disponibili per godersi il mare».