102 Views |  1

La nuova Serie Griffin di Fincantieri Yachts

Chissà se Christopher Seymour è un appassionato di Harry Potter o di letteratura greca? In entrambi infatti, il Grifone ha un ruolo fondamentale e pare sia stato lui a battezzare con il nome di Griffin (Grifone) la nuova linea di megayacht di Fincantieri Yachts. Secondo lui le linee nette e aggraziate di questo progetto richiamano infatti la potente e maestosa creatura mitologica con testa d’aquila e corpo di leone che, nel corso dei millenni, ha assunto, a seconda dei momenti e delle civiltà, il ruolo di trait d’union tra cielo e terra e di custode di tesori.

T146 Griffin66 A1060

Un po’ come Fincantieri, che dal 2005 ha traslato nei megayacht il know how acquisito nel mondo delle crociere e delle navi militari dando vita a veri e propri tesori galleggianti e diventando leader mondiale, con Fincantieri Yachts, per le unità da diporto sopra i 100 metri con capolavori come il 134 metri Serene e il 140 metri Ocean Victory.

T146 Griffin66 B3831 copia

Una leadership che però, con il tempo, è diventata anche un limite perché il mercato ha dimenticato che questo know how può essere facilmente sfruttato anche per la costruzione di unità più piccole. La serie Griffin nasce per questo, per rilanciare il ruolo di Fincantieri Yachts nel  mondo degli scafi di misura compresa tra i 60 e i 100 metri. «Dopo tanti anni passati a costruire yacht di oltre 100 metri abbiamo deciso che era arrivato il momento di puntare anche verso scafi di dimensioni inferiori», spiega Daniele Fanara, Senior Vice President di Fincantieri Yachts. «Naturalmente la qualità costruttiva che abbiamo sempre offerto sui nostri megayacht sarà la stessa anche per questa nuova serie», ha specificato.

T146 Griffin66 B2445

Composta da quattro diversi modelli: 66, 77, 88 e 99 metri, la Serie Griffin ha linee esterne disegnate da Christopher Seymour e interni firmati da Guido de Groot, con la supervisione di Carl Esch.

T146 Griffin66 A6110br

«Per i designer si è trattato di un lavoro complesso, data la flessibilità e adattabilità richiesta tra interni esterni», spiega ancora Daniele Fanara. È stato necessario un grande esercizio di stile per realizzare lo scafo in quattro misure diverse. Era infatti necessario che esternamente gli yacht avessero linee simili, adattate alla lunghezza, ma che gli interni fossero distribuiti e pensati in base alla volumetria che, come è ovvio, è estremamente differente tra un 66 e un 99 metri. Sono stati bravissimi e siamo assolutamente soddisfatti del risultato che sono riusciti a ottenere», conclude.

T146 Griffin66 A4030 copia

Gli esterni, ispirati appunto alla leggendaria creatura mitologica sono al tempo stesso maestosi e leggeri e riprendono alcune delle caratteristiche tipiche di Fincantieri Yachts come l’infinity pool a sbalzo sul ponte principale e la poppa che si trasforma in una grandissima beach area.

CSD.G88m.SUN.6

Gli interni, invece, sono stati pensati per essere minimalisti, ma al tempo stesso sofisticati e accoglienti e sono caratterizzati dalle grandi finestrature che mantengono il contatto con il mare, anche quando si è comodamente seduti sul divano. Tutti e quattro i modelli disporranno di garage di poppa laterale da entrambi i lati per lasciare spazio al beach club, di piscine a sbalzo sul ponte principale e di eliporto sul ponte di prua (per il 66 si tratta di un touch and go).

T146 Griffin66 A2207 copia

Gli ampi spazi esterni, le tre piscine di poppa, di prua e sul fly disponibili su tutta la serie e il beach club fanno dei Griffin degli scafi decisamente mediterranei fatti per vivere il mare in tutta la sua essenza, ma con la discrezione tipica di Fincantieri Yachts. Naturalmente tutti e quattro i modelli possono essere personalizzati in base ai desideri dei loro proprietari.

T146 Griffin66 B0494 copia

«Il nostro armatore tipo è quello che si compra lo yacht per usarlo, ma che non ama la pubblicità», spiega ancora Fanara, «qualcuno che non desidera uno yacht troppo grande, ma che vuole uno scafo di qualità, costruito seguendo gli stessi canoni ingegneristici e tecnologici dei megayacht sopra i 100 metri, ma con la fruibilità garantita dalle dimensioni più contenute», conclude. A Viareggio i riflettori sono stati puntati sul più piccolo della serie: il Griffin 66. Pensato per ospitare sei cabine doppie e 15 persone d’equipaggio, il Griffin 66 ha un baglio di 12,30 metri, una stazza di 1575 tonnellate e un pescaggio, a pieno carico, di 3,80 metri. Ancora top secret le motorizzazioni, mentre è stata dichiarata la velocità massima che è di 17 nodi.