240 Views |  Like

Anticipazioni del 42° Cannes Yachting Festival

Dall’10 al 15 settembre, Cannes ospiterà la 42esima edizione del Cannes Yachting Festival dove sono attese oltre 600 imbarcazioni tra i 5 e i 55 metri, 130 delle quali saranno presentate in anteprima mondiale. Eccone alcune, in ordine rigorosamente alfabetico, insieme ad altre novità interessanti.

  • AB Yachts – AB100 Lea
    Lea, il nuovo 30 metri di AB yacht sarà in esposizione a Cannes per la prima volta in assoluto.

Con una lunghezza di 30 metri, ma con la possibilità di immatricolarla entro i 24, AB Yachts è riuscito a coniugare perfettamente due necessità del mercato: massimizzare i volumi interni disponibili con la comodità della gestione di un’imbarcazione da diporto. AB 100 è prodotto in materiali alleggeriti di ultima generazione, compositi avan-zati e speciali sistemi di incollaggio.

Le prestazioni che può raggiungere sono semplicemente eccezionali ed uniche nel suo genere: AB 100, con nr. 3 motori MAN da 1.900 hp cad. e nr. 3 idrogetti MJP, raggiunge i 54 nodi di velocità massima, in assenza di vibrazioni, nella totale stabilità e con il massimo confort di navigazione. Gli interni sono completamente personalizzabili, dalla compartimentazione, all’arredamento interno.

  • Absolute Yachts: Absolute Navetta 68 – Absolute 47 Fly
    Tre le anteprime di Absolute Yachts: due mondiali e una francese. A Cannes verranno mostrate per la prima volta la Navetta 68 e il 47 Fly mentre il 62 fly è una première per il mercato francese. 

Absolute Navetta 68 – Chiamata the Absolute Vision per per le sue caratteristiche innovative offre spazi interni ed esterni votati alla convivialità, composti da materiali preziosi ed eleganti, nel classico stile Made in Italy. Nel cuore di questo gioiello, dove lo spazio diventa quantomai versatile, ci sono quattro cabine per gli ospiti e due per l’equipaggio.

Il ponte principale sarà un trionfo di luminosità, eleganza e flessibilità di utilizzo. L’intenzione infatti è quella di lasciare spazio all’inventiva dell’armatore, assecondando i suoi gusti e le sue esigenze.
Absolute 47 Fly – “The Absolute Gateway”, come è stato chiamato il 47 Fly è uno scafo dalle linee ricercate che fanno da cornice a un’area flybridge molto spaziosa e ben organizzata, con un grande prendisole verso prua.


Il pozzetto è dotato di doppio accesso dalla piattaforma per facilitare le operazioni di ormeggio. I passaggi laterali sono larghi e sicuri grazie ai mancorrenti alti. La prua non è da meno con la possibilità di installare un divano ad “U” e creare un prendisole spazioso e accogliente, grazie ad un tavolo abbattibile. Le grandi finestrate assicurano luce naturale e visibilità continua al ponte principale. Sottocoperta ci sono tre cabine doppie. La motorizzazione è affidata a IPS650 di Volvo Penta. 

  • Arcadia Yachts – Sherpa XL
    Il cantiere napoletano si prepara a festeggiare il suo decimo compleanno con il debutto mondiale a Cannes dello Sherpa XL.
    Evoluzione dello Sherpa, XL rappresenta un ulteriore passo nel processo di crescita della filosofia del cantiere e lancia una nuova gamma che si affianca alla storica linea A.

Il concept dello Sherpa XL, sviluppato in collaborazione con lo studio milanese Hot Lab, si sviluppa intorno alla disposizione dei ponti. Quelli di prua sono sfalsati, così da creare un blocco scale centrale caratterizzato da dislivelli ridotti. Un gioco di incastri particolare che, oltre a ottenere grandi spazi pur con un’altezza totale contenuta, ha permesso di giocare con i volumi. 

Il rapporto diretto con il mare e l’ambiente circostante, da sempre uno dei tratti distintivi della filosofia Arcadia, è esaltato nel pozzetto di quasi 65 metri quadri.

  • Azimut Yachts: Azimut Grande S10 – S8 – Azimut 78 – Atlantis 45
    Tripletta per Azimut Yacht che arriva in Costa Azzurra con tre anteprime, due mondiali e una internazionale: l’Azimut Grande S10, l’Azimut 78 e l’Atlantis 45.

Azimut S8 –Debutto a sorpresa al Cannes Yachting Festival 2019 del nuovo modello di grandissimo fascino, che porta avanti i codici stilistici espressi da Alberto Mancini in questa Collezione: modernità, grinta, design e sportività sono declinati nella loro accezione più elegante.

Lungo 24,63 metri, si distingue per l’elevatissimo livello di innovazione tecnologica, grazie al connubio tra uso diffuso del Carbon Tech e tripla propulsione Volvo Penta IPS, una combinazione dagli indubbi vantaggi a livello di prestazioni, silenziosità, manovrabilità, consumi e comfort.

Il layout unico nel suo genere vede la presenza di quattro cabine nel sottocoperta, con una cucina chiusa su un ponte intermedio. Il Main Deck è concepito come un alternarsi di zone lounge e aree pranzo caratterizzate da una grande continuità di design tra esterni e interni. A poppa, il sistema Pivoting Platform Expander consente di ampliare con facilità la plancetta.

Gli interni, opera di Francesco Guida, sono disponibili in due versioni di décor: Platinum e Perla Nera. Entrambi accoglienti e raffinati, si distinguono per colori e materiali degli arredi.

Azimut Grande S10 – Più che un’evoluzione della serie S, il Grande S10 dovrebbe essere considerato uno scafo a sé. L’arrivo di Alberto Mancini per il design degli esterni ha infatti dato una sferzata energica a questa linea di scafi. 

Così energica da generarne uno praticamente nuovo. Apprezzato per il suo tratto da purista, Mancini è infatti solito ispirarsi al mondo aeronautico e automobilistico, che conosce bene grazie ai suoi studi di car design. È lui stesso a spiegare qual è la filosofia alla base di questa barca: «per il design del Grande S10 l’ispirazione è tratta da tre fonti», spiega Mancini. «Una villa sul mare a Malibu con grandi terrazze che scendono verso il bagnasciuga; un mega sailer che ha ispirato il doppio livello di pozzetto e infine l’automotive perché il car design regala sempre grande ispirazione.

Gli interni, affidati a Francesco Guida, sono ancora top secret ma l’eclettico ingegnere napoletano si è lasciato andare: «sono stati concepiti come l’evoluzione del percorso stilistico intrapreso con S7 e S6, quindi mescolando in modo attento finiture metalliche, laccati e pelli con la classicità delle essenze trattate in modo originale.

Azimut 78 – Con linee esterne pennellate da Alberto Mancini e spazi interni firmati da Achille Salvagni, Azimut 78 è la più grande imbarcazione mai costruita nel Cantiere di Avigliana. 

Per gli esterni, Mancini ha voluto tracciare, da prua a poppa, una linea continua che, creando giochi di chiari e scuri, luci e ombre, superfici concave e convesse, sembra protendersi verso l’alto. Questa forma di design, che il designer definisce “linea infinita”, e la sensazione di slancio verso l’alto sono evidenti anche sul Fly, dove il tientibene del corrimano forma un pezzo unico con il roll-bar diventando così parte integrante del design. 

All’interno si respira un’atmosfera morbida, tratto peculiare dell’opera di Achille Salvagni, che a geometrie dure preferisce sempre linee curve e sinuose. Nell’area living la tipica distinzione fra zona divani e area pranzo viene superata, lasciando spazio a un unico e raffinato ambiente arredato con grande attenzione e personalità. La cifra stilistica di Salvagni, che spesso si ispira all’arte, rende gli ambienti eleganti, raffinati, con arredi che sembrano sospesi e vetrature a tutta altezza e con un sapiente accostamento di colori delicati, dal porpora alla carta da zucchero, in un percorso di stile mai scontato. 

Atlantis 45 – Merita una menzione particolare anche Atlantis 45, anticipato al pubblico italiano in anteprima lo scorso Maggio, che a Cannes fa il suo debutto internazionale e la cui progettazione degli spazi interni ed esterni è stata sviluppata in collaborazione con lo studio Neo Design. 

Atlantis 45 vanta un’enorme capacità di stivaggio e una grande abitabilità interna, con entrambe le cabine – armatoriale e ospiti – a tutto baglio, e cucina e dinette contrapposte per aumentare la funzionalità di movimento. Esternamente i generosi prendisole a prua e a poppa e il grande parabrezza privo di montante centrale rendono piacevole e confortevole la navigazione, mantenendo le linee sportive e aggressive tipiche di questa classe. Il nuovo Azimut Atlantis 45 monta due Volvo IPS 600 (435 hp) per raggiungere una velocità di massima superiore a 33 nodi, conservando sempre un’ottima manovrabilità.

  • Beneteau: First 53 – G.turismo 32 – Montecarlo 52 – Swift Trawler 41
    Cinque le anteprime mondiali del cantiere francese: First 53, Granturismo 32, Montecarlo 52, Oceanis 31.1, Swift Trawler 41

First 53 – Erede di 40 anni di storia “First” su tutti i mari del globo, l’attesissimo First Yacht 53 farà il suo debutto proprio a Cannes.

Barca a vela di alta gamma che coniuga lusso e performance, il First Yacht 53 innova dal punto di vista del confort e della fluidità nella circolazione in coperta grazie a due padrini d’eccezione che si sono dedicati alla sua creazione : Roberto Biscontini (Coppa America) per l’architettura nautica e Lorenzo Argento per il design e l’allestimento interno. Creato per gli appassionati di vela pura, esigenti sia per il piacere di timoneria che per la vita in mare, il First Yacht 53 dispone di numerosi punti forti che ne fanno prima di tutto un First.

Granturismo 32 –Il Gran Turismo 32 nasce con l’obiettivo di diventare l’anello di congiunzione tra il mondo dei day-cruiser con quello degli express cruiser.

Non a caso la coperta è come quella del Flyer 10, ma lo stile è inconfondibilmente quello dei Gran Turismo. Nella distribuzione degli spazi spicca il grande prendisole di prua.

Montecarlo 52 – Il nuovo Monte Carlo 52 segna l’arrivo della seconda generazione Monte Carlo, la lussuosa gamma di motor yacht del cantiere francese.

Molto atteso, questo esclusivo motor yacht di 16,25 metri di lunghezza e 4,60 di larghezza dispone di design contemporaneo, profilo elegante, forte personalità, volumi intelligentemente utilizzati e cura nel dettaglio. Il suo stile inconfondibile è l’opera di un’equipe di architetti e designer di fama mondiale: Carlo Nuvolari & Dan Lenard per il profilo esterno, Andreani Design per gli allestimenti interni. La carena a V è stata creata in collaborazione con lo studio MICAD.

Swift Trawler 41 – Con i suoi 13,30 metri di lunghezza e i suoi 4,20 metri di larghezza, il nuovo Swift Trawler 41 completa appieno la gamma dei cinque trawler di successo del cantiere francese.

Creato per sostituire il precedente Swift Trawler 44, il nuovo Swift Trawler 41 si inserisce correttamente nella categoria delle unità da viaggio di 40 piedi. Dinamizzando il concetto: barca di gamma media, linee eleganti, in grado di colpire e combattive, rilettono perfettamente il rinnovo della linea Swift Trawler, iniziato lo scorso anno con l’arrivo dello Swift Trawler 47. 

  • Benetti Yachts: Delfino 95 – Fast 125 – Mediterraneo 116
    Riflettori puntati su tre yacht della categoria Class per Benetti

“Aslan” è la settima unità di Delfino 95. Il design degli esterni è di Giorgio M. Cassetta e i suoi interni sono stati realizzati dall’Interior Style Department di Benetti che, attento alle esigenze dell’armatore, lo ha accontentato nel rendere il suo stile molto vicino a quello del mondo velico, soprattutto attraverso l’uso del teak, chiaro rimando alle barche a vela.

Il leitmotiv della barca è la sobrietà che, insieme ad una ricercata raffinatezza che nasce da scelte semplici e lineari, riesce a garantirle una notevole eleganza. 
Accanto a “Aslan” ci sarà Bangadang, l’ottava unità di Fast 125, uno yacht dalle linee essenziali. Gli esterni sono stati disegnati da Stefano Righini, mentre gli interni sono stati realizzati dallo studio inglese RWD che per Benetti ha progettato tre diverse soluzioni di stile: Land, Sea e Air. 

L’armatore d “Bangadang” ha scelto Air che coniuga linee pulite ad un’impronta spiccatamente moderna. Lunga 38,1 metri, l’imbarcazione dispone di una performante tecnologia che le assicura velocità e manovrabilità. Per gli arredi, l’armatore di M/Y “Bangadang” ha scelto il Made in Italy di case come Cassina, Minotti, B&B, Meridiani e Paola Lenti. Il pavimento di tutta la barca è in parquet di rovere che si alterna in diverse gradazioni e lavorazioni. 
“Botti”, è la terza unità di Mediterraneo 116, modello della categoria Class che si sviluppa su 4 ponti. Evidente nel design degli esterni, anche in questo caso, la mano di Giorgio M. Cassetta che si è coordinato con l’Interior Style Department di Benetti, responsabile del design degli interni insieme allo studio Radyc.

Gli esterni si sviluppano in un design lineare e sinuoso che penetra anche nel layout degli interni e negli arredi dove la luce e gli ampi spazi si completano a vicenda, creando ambienti luminosi e accoglienti. Tessuti di pregio, dettagli in legno dai colori caldi e luci soffuse sono i protagonisti degli spazi comuni e di quelli destinati a ospiti e armatore.

  • Besenzoni: SP600 Rotating Ladder – P 338 Infinity Elegance
    Besenzoni porta a Cannes due interessanti novità: la scala girevole SP 600 G e la poltrona pilota P 338 Infinity Elegance.

SP600 Rotating Ladder – SP 600 G, una scala girevole con movimentazione automatica che abbina la funzione di passerella. Adatta per installazione a poppa o laterale, è dotata di una struttura in acciaio inox che può essere verniciata o lucidata a specchio.

I gradini auto-allineanti in teak conferiscono un maggior comfort in fase di utilizzo e la doppia fila di candelieri manuali removibili rende questa scala particolarmente comoda anche da stivare. La facilità di utilizzo è massima anche grazie al pannello di controllo per il comando dal pozzetto e alla centralina idraulica ed elettrica dedicata. 

Poltona P 338 Infinity Elegance – Caratterizzata da un design moderno e accattivante, ha forme sobrie e ricercate ben si integrano con le soluzioni estetiche adottate sulle diverse imbarcazioni, grazie a un grado di personalizzazione e customizzazione pressoché totale. 

La seduta ergonomica, l’inclinazione dello schienale e il poggiapiedi regolabile garantiscono la massima comodità anche in caso di lunghe navigazioni. La P338 è installabile su supporto elettrico o manuale e viene proposta con rivestimento standard in vinile o pelle, ma è possibile rivestire la poltrona anche con il tessuto personalizzato fornito dal cliente.  

  • Brabus Marine – Brabus Shadow 500 – Posizionato al top del settore degli sport-weekender da 30 piedi, il Brabus Shadow 500 è uno scafo dal design accattivante con rifiniture di altissima qualità, che offre prestazioni d’eccezione e massimo confort ed è ideale per le lunghe uscite giornaliere.

Grazie a due motori Mercury Marine di ultima generazione, dual XS Pro V8 FourStroke può raggiungere senza difficoltà i 50 nodi e offre accelerazioni incredibili. Al contempo dispone di comodi spazi per il relax ideali per weekend in famiglia ricchi di adrenalina. Al prossimo Monaco Yacht Show verrà esposta, in anteprima mondiale, la versione Cabin.

  • Cantiere delle Marche: Mimì la Sardine – Babbo
    Due barche imperdibili per Cantiere delle Marche che sulla Croisette porta il Nauta Air 110 Mimì la Sardine e il Darwin 102 Babbo.

Nauta Air 110, Mimì la Sardine – Quinta unità della serie, Mimì la Sardine è un explorer vessel puro che coniuga l’eleganza delle linee di Nauta Yachts, che ha firmato esterni e interni, con l’indiscutibile qualità di Cantiere delle Marche. 

Articolata su tre ponti più il sundeck, la barca può ospitare 12 persone in cinque cabine. L’equipaggio è di sei persone. È caratterizzata dalla totale interazione tra interni ed esterni e da interni rilassati e inusuali, arredati con mobili delle principali firme italiane.

Grazie a serbatoi di carburante da 48mila litri e a una coppia di Cat18 cert da 533kW, vanta inoltre un’autonomia di 5500 miglia nautiche alla velocità di 9 nodi.

Babbo Darwin 102 – Babbo è il secondo Darwin 102 varato da CdM e ha esterni e ingegnerizzazione firmati da Sergio Cutolo di Hydro Tec. Pur essendo stato varato nel 2016, Babbo è al suo primo Boat Show. 

Le linee esterne sono decise, come si conviene a uno scafo di questo tipo, ma sfoggiano anche elementi di modernità che contribuiscono ad accentuarne l’allure. Gli interni, ampi e confortevoli, prevedono cinque cabine ospiti e un quartiere equipaggio da sette.  

Gli interni sono firmati da Simon Hamui in collaborazione con lo studio PFA di Fano e sono un mix di materiali naturali e toni caldi che creano un ambiente accogliente e rilassante. Motorizzato con due Caterpillar da 670 hp, Babbo può raggiungere una velocità massima di 13,6 nodi e naviga a una media di crociera di 11 nodi. A 9.5 nodi ha un’autonomia di 4700 miglia nautiche.

Cantiere del Pardo: Pardo 38 – Grand Soleil 42LC
Due le anteprime mondiali al grande pubblico per il Cantiere del Pardo: il Pardo 38 e il Grand Soleil 42LC

Pardo 38 –Il nuovo Pardo 38 farà il suo debutto ufficiale davanti al grande pubblico a Cannes.

Come i fratelli maggiori di 43 e 50 piedi, il Pardo 38 è stato progettato da Zuccheri Yacht Design, in collaborazione con l’ufficio tecnico del Cantiere del Pardo, per un armatore esigente, attento alla qualità, al design, al lusso Made in Italy e al comfort associati alle alte prestazioni e alla velocità. Il nuovo 12 metri del Cantiere del Pardo sarà disponibile in due versioni, con motori entrofuoribordo o fuoribordo che consentiranno di raggiungere una potenza fino a 1050 cv e una velocità di 50 nodi. 

Gran Soleil 42LC –Il Grand Soleil 42 Long Cruise è l’ultimo modello nato della gamma Blue Water dedicata alla crociera a lungo raggio.

Comfort, grandi spazi a bordo, autonomia nella navigazione sono le caratteristiche che contraddistinguono questo nuovo scafo di dodici metri, disegnato da Marco Lostuzzi in collaborazione con Nauta Design e con l’ufficio tecnico del Cantiere del Pardo. Come il fratello maggiore 52 LC, anche il 42 LC sarà disponibile in due versioni, una con il classico rollbar per avere la coperta il più possibile libera e vivibile e una versione più sportiva senza rollbar e senza panche di poppa.


  • Cantieri Estensi  – America 380
    Debutto in anteprima mondiale al Cannes Yachting Festival per l’America 380, nuovo 38 piedi di Cantieri Estensi che, con questo modello, inaugura una nuova gamma.

Si tratta di uno yacht sportivo e versatile, caratterizzato da elevate prestazioni e consumi molto contenuti grazie a una carena ottimizzata. Le linee moderne gli conferiscono uno stile contemporaneo ed elegante. La nuova serie America affianca le attuali gamme iconiche Goldstar e Maine. 

In esposizione a Cannes anche il Maine 535, Navetta che, grazie al particolare studio della carena può navigare a bassa velocità con consumi molto ridotti, ma all’occorrenza è in grado di raggiungere i 25 nodi dando notevoli soddisfazioni.

  • Cantieri di Pisa

Cantieri di Pisa, glorioso nome dell’eccellenza della nautica italiana, con oltre 600 barche costruite, è diventata famosa per l’eleganza delle sue linee molto distintive e per la qualità; ogni modello era legato al nome di una stella fino a quella più splendente, il famoso Akhir.

Alla fine dello scorso anno il Cantiere è stato acquisito da un gruppo di armatori ed imprenditori provenienti da settori della nautica ed dell’alta tecnologia. La missione della nuova proprietà è quella di fondere la propria esperienza armatoriale e il know how proveniente da settori innovativi con l’inestimabile eredità dei maestri d’ascia proponendo soluzioni all’avanguardia ed ecologiche per dar vita a ‘nuove stelle’ all’insegna della qualità, del comfort e caratterizzati da costi di gestione ridotti. Tre Akhir sono in fase di completamento, pronti per la customizzazione e consegnabili a breve e, nel contempo, si lavora alle novità. A Cannes Cantieri di Pisa rivelerà i progetti futuri  in occasione di uno scintillante party sulla spiaggia dedicato ad armatori e amici.

  • CCN – Vanadis
    Anteprima mondiale per Vanadis, la quarta imbarcazione della famiglia Fuoriserie di CCN

Un 31m fully custom in alluminio con linee esterne classiche e contenuti tecnologici che guardano all’eco-sostenibilità e all’efficienza ambientale. Vanadis è, infatti, il primo motoryacht Made in Italy ad aver ottenuto la certificazione “Hybrid Power” dal Lloyd’s Register. 

L’imbarcazione è dotata di 2 propulsori azimutali Schottel STP 150 FP a doppia elica comandati con sistema ibrido che prevede sia motori tradizionali diesel che motori elettrici alimentati dai generatori o da batterie. Tale configurazione permette una navigazione a basso consumo e ridotto impatto ambientale, oltre ad un aumento del confort di bordo grazie alla riduzione del rumore e delle vibrazioni sia in rada che in navigazione. 

Il layout prevede la cabina master e 2 cabine ospiti sul ponte inferiore mentre un ampio salone con grande divano a L, area pranzo e cucina a vista occupano gli spazi coperti del main deck, alle spalle della timoneria. All’esterno, a prua e poppa su questo stesso ponte, trovano posto 2 comode zone conversazione. 

  • CMC Marine – Waveless e Stabilis

CMC Marine sceglie il Cannes Yachting Festival 2019 per presentare in anteprima mondiale Waveless by CMC Marine: nuova famiglia di stabilizzatori elettrici di piccole dimensioni pensati per barche a partire dai 12 metri di lunghezza.

La famiglia Waveless by CMC Marine conta 4 modelli di stabilizzatori STAB e 4 modelli di intruder TRIM. L’intera gamma di stabilizzatori STAB sarà in esposizione e un modello STAB 25 funzionante sarà a disposizione per dimostrazioni.  Inoltre, in esposizione presso lo stand, sarà possibile vedere un modello di Stabilis Electra HS60 funzionante.

  • Custom Line – Custom Line 106

Custom Line 106’ è il nuovo yacht della gamma planante Custom Line, il secondo disegnato da Francesco Paszkowski Design. Il nuovo yacht è caratterizzato da ampie superfici calpestabili (in tutto 220 m²), interconnesse tra loro. Nella zona di prua l’isola centrale rialzata è composta da divani e cuscinerie con schienali reclinabili, mentre la zona di prora ha un grande prendisole.

La cabina armatoriale a tutto baglio è a estrema prua, mentre sul ponte inferiore ci sono 4 cabine standard: 2 VIP a centro barca, e 2 twin a prua, tutte con bagno separato. Tutti gli allestimenti interni di questa prima unità sono stati personalizzati rispondendo perfettamente ai desideri dell’armatore, secondo il celebre stile tailor-made di Custom Line.

  • Dutch Craft – DC56

Debutto mondiale a Cannes per il Dutch Craft 56. Questo 17 metri ha tutto per essere uno yacht per esplorazioni, accogliere un gran numero di toys, diventare uno sport fisher o un party boat, fino a diventare un confortevole family cruiser o un support vessel.

Per quanto riguarda il design e la costruzione, gli yacht, DutchCraft sono facili da pulire e da mantenere, senza contare che hanno costi di manutenzione decisamente bassi e hanno tantissimi spazio. In totale, ci sono fino a 36 posti a sedere per gli ospiti. Sul ponte inferiore sono previsti alloggi per otto ospiti, inclusa una cabina master a tutto baglio.

Il DutchCraft 56 può raggiungere una velocità massima di 40 nodi, mantenendo sempre una navigazione confortevole. Con una lunghezza fuoritutto di 17 metri (56 piedi), il DutchCraft 56 ha un baglio Massimo di 5 metri (16,7 piedi) e un pescaggio di poco superiore a 1 metro (3,8 piedi), che significa poter navigare praticamente ovunque, anche in acque basse. Gli armatori possono scegliere tra motori Volvo Penta IPS o jet Cummins.

  • Evo Yachts – Evo R6

Anteprima mondiale anche per l’Evo R6, il walkaround di 18 metri firmato da Valerio Rivellini che è la nuova ammiraglia del cantiere e che, naturalmente, conserva le sponde laterali estensibili che hanno reso celebre il cantiere.

Grande importanza nella progettazione di questo yacht è stata riservata ai concetti di convivialità e di versatilità. È stato quindi ricercato e raggiunto il perfetto equilibrio tra esterni tipici di un walk around, per vivere all’esterno ogni momento della giornata, e interni degni di un cabinato, con ambienti ampi e confortevoli, semplici e raffinati. Anche su questo progetto un ruolo fondamentale è stato riservato alla grande versatilità degli spazi, con le murate laterali estensibili, che quasi raddoppiano i volumi in pozzetto. I due Volvo Penta IPS possono essere scelti alternativamente da 625 cv (IPS 800) o da 725 cv (IPS 950) e, al massimo della potenza, permettono di ragguardevole velocità massima di 36 nodi con una crociera intorno 28 nodi. 

  • Ferretti Yachts – Ferretti Yachts 720

World première a Cannes, il nuovo Ferretti Yachts 720 è il secondo modello il cui design esterno è stato realizzato dall’architetto Filippo Salvetti in collaborazione con Ferretti Group. La zona esterna di prua dispone di grandi spazi vivibili. L’ampio flybridge di 30 m², realizzato in fibra di carbonio e materiali compositi, è sormontato da un hard top; la spiaggetta di poppa è una vera terrazza sul mare con chaise longue e ampi spazi storage.

Internamente ampio open space è organizzato in 3 ambienti: la zona living, la zona pranzo rialzata ed a estrema prua si trova la plancia integrata con i sistemi Loop di Naviop-Simrad e la timoneria elettroidraulica sviluppata in collaborazione con Xenta. Il ponte inferiore prevede 4 cabine: la suite armatoriale a centro barca di ben 20m², due cabine doppie con letti separati e la cabina Vip.

  • Fipa – Maiora 30

Anteprima mondiale a Cannes per il Maiora 30 Walk-Around. Registrato come yacht sotto i 24 metri, il Maiora 30 Walk-Around ha una lunghezza fuori tutto di 30,5 metri e un baglio di 7,5 metri, il più largo della categoria. 

Disegnato dallo Studio Fossati Design Bureau, questo yacht ha interni realizzati secondo i desiderata del suo armatore e caratterizzati da un décor luminoso e accogliente. Grandi finestre alte 2.15 metri illumnano di luce naturale gli spazi interni e consentono agli ospiti di godere di una vista mozzafiato.

Grazie a quattro cabine doppie, il Maiora 30 Walk-Around può ospitare fino a 9 persone. La suite armatoriale è sul main deck ed permette all’armatore di avere una vista incantevole.

Frauscher – 1414 Demon Air

In anteprima mondiale, il cantiere austriaco presenterà il tanto atteso 1414 Demon Air. Le linee che ne compongono la silhouette definiscono una sintesi di tutti gli stilemi tipici del design Frauscher. Il modello si differenzia dagli altri in due importanti caratteristiche: il tetto apribile interamente in carbonio e il tavolo retrattile automatico nell’area salotto di prua. 

Michael Frauscher spiega il successo dello yacht: “Con il modello 1414 Demon Air abbiamo creato una barca offshore che combina la guida vivace di un motoscafo con il lusso di uno yacht. E in quanto al design, a livello di customizzazione, non c’è quasi nessun desiderio che non possiamo trasformare in realtà”.Oltre ai due 1414 Demon in esposizione ci saranno anche l’iconico 1017GT e l’858 Fantom Air. 

  • Invictus Yacht – CX 270

Si chiama CX270 l’ultima nata in casa Invictus Yacht che sarà presentata a Cannes. La nuova Invictus CX270 ha un carattere sportivo, evidenziato dai due motori fuoribordo da 220 cavalli ciascuno l’ergonomia tipica della serie CX è evidenziata dall’attento studio della timoneria a sviluppo verticale. 

Il cuore dell’area “living” si sviluppa a centro barca, con il sedile di guida “stand up”, che può essere facilmente trasformato per completare la zona dinette di poppa, creando un vero e proprio “seating”. Al prendisole poppiero, ottenuto ribaltando lo schienale del divanetto, è possibile aggiungere un’ulteriore cuscineria sfruttando così al meglio anche la zona motori. Una novità per Invictus è la presenza di un mobile lavandino posizionato a sinistra del pozzetto.

Isa Yachts – Extra 86 Fast e 93

Anteprima mondiale a Cannes per l’86 Fast della gamma Extra di Isa. Un 26 metri dallo stile informale che può ospitare fino a 8 persone in 4 cabine ed è disegnato da Francesco Guida.

Il layout della zona giorno prevede la cucina posizionata a poppa che, attraverso un’ampia vetrata con sistema automatico up/down, consente la comunicazione diretta con l’area da pranzo esterna e libera. L’originale design del profilo esterno esprime la spiccata personalità di Extra 86 Fast e si caratterizza attraverso il gioco di contrasti tra le chiare e morbide superfici in vetroresina e le eleganti vetrate scure.

Le generose finestrature, senza soluzione di continuità, offrono la sensazione di trovarsi all’interno di una grande cupola di cristallo, che dona una ineguagliabile luminosità e panoramicità agli eleganti living interni. Questa versione “Fast” è capace di raggiungere una velocità massima di oltre 30 nodi grazie all’innovativa, semplice e silenziosissima propulsione IPS 1350 composta da 3 motori Volvo Penta da 1000CV

Extra 93 – Anteprima mondiale sulla Croisette anche per l’Extra 93 disegnato sempre da Francesco Guida. Realizzato in composito, conforme agli standard RINA e alle certificazioni CE, questo yacht presenta volumi impressionanti e una vivibilità unica. Sottocoperta ci sono quattro cabine ospiti e la zona equipaggio.

Il ponte superiore si presenta come un’ampia area living en plain-air grazie alle finestrature apribili in grado di creare un’unica grande area con il pozzetto, dotato di divani e chaise-lounge e di un tavolo da pranzo per 12 persone. Una seconda zona relax, con maxi prendisole è stata creata a prua.

Il sun deck, dotato di due aree prendisole e zona living, propone un punto di osservazione privilegiato per godere appieno di una crociera in pieno comfort e privacy. 

  • Lomac – Lomac Granturismo 12

Anteprima mondiale a Cannes per il Lomac Granturismo 12.0 ultima novità dell’omonima gamma di maxi-rib nata dalla creatività di Federico Fiorentino.

Le attrattive principali del nuovo modello sono: la grande libertà di movimento a bordo e una navigazione totalmente sicura. La zona prodiera, completamente aperta, prevede infatti un prendisole trasformabile in tavolo da pranzo, mentre la parte poppiera sarà equipaggiata con un grande tavolo a scomparsa totale. È inoltre prevista una cabina con letto matrimoniale e bagno separato con accesso nella zona posteriore, per offrire un locale sicuro e di facile accesso in caso di condizioni meteomarine avverse, un dettaglio particolarmente apprezzato dalle famiglie.

Mangusta – GranSport 45

Mangusta sarà al salone di Cannes con un’anteprima: il Mangusta GranSport 45, la versione di 45 metri della serie dei fast displacement  del Gruppo.  Il Mangusta GranSport 45 è un mix esplosivo di stile italiano, profilo elegante e carattere; una perfetta combinazione di design e tecnologia che esalta lo stile di vita mediterraneo tipicamente Mangusta. 

Il layout è studiato per facilitare la connessione tra i vari ambienti. Caratterizzante è l’upper deck, con il  salotto centrale  comunicante  sia con la poppa attraverso  grandi porte  vetrate scorrevoli,  sia con il sunbridge di prua, dove si trova una vera e propria infinity pool con cascata e vasca idromassaggio per  7 persone. La  beach area di poppa è composta da tre piattaforme comunicanti tra loro, a diretto contatto con il mare. Il Mangusta GranSport 45 con una velocità massima di 26 nodi, un’autonomia di 3500 miglia ad 11 nodi ed un pescaggio limitato a 2,2 m (7’2”), non ha limiti di utilizzo.

Nerea Yachts – Ny24 Deluxe, Gt e Limo

L’NY24 sarà esposto in anteprima al Cannes Yachting Festival nella sua versione più ricca, la Deluxe, che offre una vasta possibilità di customizzazione. Il piccolo day cruiser di 7,35 metri di lunghezza, firmato dai designer liguri Alessio Battistini e Davide Bernardini dello studio ideaeITALIA, è un concentrato di design moderno, elegantemente rifinito che offre grande vivibilità degli spazi.

Anche nella sua versione GranTurismo, NY24 GT offre un design inconfondibile e alte prestazioni abbinate ad una perfetta manovrabilità. NY24 Limo, la terza versione è un vero e proprio walkaround che, pur mantenendo le linee pulite e stilose del modello originale, si presenta senza pontatura prodiera e senza cabina;  una barca tutta aperta che, grazie alla sua altezza di costruzione, mantenuta volutamente ridotta, si adatta perfettamente ad un agevole ingresso nel garage di grandi motoryacht.

  • Nomad Yachts – Nomad 95 e 75 SUV

Gulf Craft presenterà a Cannes i suoi yacht long range. In acqua ci saranno il Nomad 95 Sport Utility Vessel (SUV) e il Nomad 75 SUV.

Pensato per crociere affascinati alla scoperta del mondo, questi yacht hanno carene ibride che consentono loro di avere un’ottima tenuta di mare e di avventurarsi in quasi tutti i mari del Globo. il 95 va ad aggiungersi al resto della gamma, che comprende un 55 e un 75, diventandone l’ammiraglia. 

  • Ocean Alexander: 90R – 45D
    Anteprima europea al vieux port di Cannes per gli Ocean Alexander 90R e 45 D.

Il 90R è il primo modello della nuova serie Revolution di Ocean Alexander. Nasce dalla collaborazione tra Evan K. Marshall e Arrabito Naval Architects ed è caratterizzato da grandi vetrate a tutta altezza e da un beach club chiuso da vetrate. 

@Marc Montocchio

Quella esposta a Cannes è la quinta unità della serie e si differenzia dalle precedenti sia per la cabina armatoriale sul main deck (oltre a quattro cabine ospiti sul lower deck) sia per l’insolita colorazione grigia metallizzata. Da sottolineare anche la Jacuzzi posta sul fly.Varata a metà agosto, ha interni semplici ed eleganti, interamente centrati sui toni neutri e dispone di un’incredibile sala macchine che, da sola, merita la visita. 

Il 45D è un invece modello totalmente nuovo il cui primo esemplare è stato varato all’inizio di quest’anno.

È l’entry level del cantiere ma offre comfort e sicurezza al pari delle sorelle maggiori. È disponibile in tre versioni: Fishing, Diving o Coupe. Come il 90R anche la piccola di casa è stata disegnata da Evan K.Marshall.

  • Onda Tender – Onda 331 Granturismo

Debutto mondiale a Cannes per il primo 10 metri open di Onda Tenders disegnato da Mannerfelt Design Team. Nato come tender di design per i megayacht, questo open può essere customizzato a piacere e combina un’ottima tenuta di mare con un design d’eccezione.

Inoltre, grazie a una chiglia in composito estremamente efficiente, ha un’ottima tenuta di mare e può raggiungere velocità elevate senza compromettere comfort e sicurezza. Grazie ai pesi contenuti e all’efficienza della carena, l’Onda 331 Granturismo può raggiungere i 60 nodi di velocità massima anche con una coppia di fuoribordo da 250 hp. 

  • Oryx – Oryx 379

Oryx sceglie il Cannes Yachting Festival per il suo debutto sul mercato europeo. Costola di Gulf Craft, il cantiere ha recentemente annunciato la sua espansione sul mercato europeo con il lancio dell’Oryx 379 proprio a Cannes. Disegnato da Hussein Alshaali, il 379 è il primo di una nuova generazione di sport cruiser costruiti specificamente per il mercato internazionale.

È un 11,5 metri caratterizzato dalla prua dritta e dalla inconfondibile struttura di supporto del tettuccio. Le linee ricordano quelle di uno sport fhisherman rivisto in chiave glamour. Internamente lo scafo può accogliere fino a quattro persone e dispone di cucina e tavolo da pranzo. 

  • Otam – Otam 85 GTS
    Debutto ufficiale davanti al grande pubblico al prossimo Cannes Yachting Festival per il nuovo Otam 85 GTS.
@Tom Van Oossanen

Il design e l’ingegnerizzazione di questo fast cruiser one-off motorizzato con una coppia di MTU da 2600 cavalli e trasmissioni Arneson, capace di raggiungere e superare una velocità massima di 45+ nodi e una di crociera di 35+ nodi, è il risultato dell’esperienza e dello sforzo collaborativo tra Gianfranco Zanoni CEO di OTAM ma anche direttore di Produzione e collaudatore in quanto ingegnere meccanico oltre che Campione del mondo in off-shore e Umberto Tagliavini di Marine Design & Services. 

@Tom Van Oossanen

Lo studio parigino Joseph Dirand Architecture ha curato il design ed il layout di interni lo stile ed il layout del pozzetto esterno in ogni dettaglio seguendo i desideri del cliente finale. La forma dell’hard top semi-open, è realizzata in materiali compositi avanzati appositamente modellata seguendo lo stile dello specifico Cliente, integra le prese d’aria dei motori, protegge gli spazi serviti da grill per pranzi e cene all’aperto e nasconde perfettamente il meccanismo di apertura del tettino anch’esso assolutamente custom.

  • Palm Beach – GT50 Open

Prima europea per il GT50 Open del cantiere Palm Beach dopo il successo della world premiere a Miami nel febbraio scorso. Barca palesemente dedicata alla vita all’aria aperta, il GT50 mescola sapientemente design, eleganza e performance. Grazie all’uso generoso della fibra di carbonio, lo scafo ha un peso decisamente contenuto il che, unito all’efficienza della carena, lo portano a volare sulle onde a più di 40 nodi. 

Le linee esterne sono classiche, eleganti e sportive e sono caratterizzate dal grande rollbar centrale e dall’ampia spiaggetta di poppa. Sul ponte esterno trovano spazio, oltre alla timoniera, anche una zona pranzo a centro barca e una relax a poppa. Sottocoperta c’è invece spazio per una master a prua e per una cabina ospiti a centro barca oltre a bagno e cucina. In costruzione Palm Beach ha anche un 60 piedi che dovrebbe scendere in acqua a breve.

  • Pearl Yachts – Pearl 80 and Pearls 95
    Due le barche di Pearl Yachts presenti a Cannes: il Pearl 95 e il Pearl 80, entrambe con esterni disegnati da Bill Dixon.

Lunga 29,2 metri, il Pearl 95 è l’ammoraglia del cantiere e fu presentata in anteprima mondiale allo scorso Monaco Yacht Show.

Apprezzata per i suoi interni disegnati da Kelly Hoppen, che sono opulenti, ma semplici al tempo stesso, il 95 arriva a Cannes forte dei molti premi ricevuti nel corso dell’anno: miglior interior design, miglior layour e barca innovatrice. Gli esterni sono caratterizzati da linee filanti e sportive e dal l’insolita forma del tettuccio del fly 

La seconda barca in esposizione, il Pearl 80, è stata nominata Motor Boat of the Year 2019 ai Motor Boat Awards.

In quell’occasione, parlando della barca, Bill Dixon ha dichiarato: «A parte il bellissimo design e le performance d’eccezione, il Pearl 80 ha vinto per le sue linee innovative e coraggiose che puntano senza paura verso il design del futuro».

Princess Yachts – Princess F50

Anteprima mondiale a Cannes per l’F50, lo yacht con architettura navale di Bernard Olesinski che completa la serie della Class di Princess e offre una nuova esperienza di navigazione grazie all’attenzione data alla disposizione degli spazi e alle performance. Elegante e tecnologico questo yacht ha la cabina armatoriale a prua e dispone di una seconda cabina a due letti.

Anima del nuovo F50 è la carena in infusione di resina. Le sue forme strutturali consentono infatti un’ottima tenuta di mare e riducono drasticamente beccheggio e rollio. Motorizzato con due Volvo IPS 800, l’F50 raggiunge una velocità massima di 36 nodi.

  • Riva Yachts – Riva Argo 90’ 

Riva 90’ Argo è l’ultimo flybridge targato Riva che riunisce ed esalta i punti di forza dei suoi due predecessori Riva 100’ Corsaro e 110’ Dolcevita, esibendo una personalità marcata e affascinante. Nato dalla collaborazione tra Officina Italiana Design Comitato Strategico di Prodotto Ferretti Group e Dipartimento Engineering, il nuovo flybridge, lungo 28, 49 metrie largo 6,50 metri, possiede elementi caratterizzanti nel design degli esterni, come la grande finestratura a scafo, le lunghe vetrate a tutt’altezza in coperta e le potenze laterali con superfici in cristallo a poppa, che esaltano l’aerodinamicità del profilo.

L’ultimo esemplare della nuova generazione di flybridge offre spazi generosi. Una nuova configurazione del pozzetto, ampio oltre 30m² permette di sfruttarlo non solo come zona conviviale, ma anche come zona pranzo. Il layout prevede una doppia master cabin, una Master Suite a tutto baglio situata nel ponte principale e una cabina di poppa sul ponte inferiore.

  • Sanlorenzo – Sanlorenzo SD96
     SD96 farà il suo debutto ufficiale in occasione del Cannes Yachting Festival.

Proseguendo nel proprio percorso coerente che da anni la lega al mondo del design, Sanlorenzo ha affidato a Patricia Urquiola il progetto di interior del nuovo yacht SD96, frutto di una continua ricerca e attenzione nei confronti delle esigenze di vivibilità a bordo.

Grazie alla visione del Cavalier Massimo Perotti, Chairman dell’azienda, Sanlorenzo innova e ripensa così ancora una volta gli stilemi della progettazione nautica. La spinta è stata la ricerca di nuovi scenari attraverso l’introduzione del concetto di trasformabilità degli spazi per arricchire sempre più l’esperienza di chi vivrà la barca. Accanto al nuovo yacht saranno inoltre esposti alcuni dei più recenti modelli della flotta Sanlorenzo.

  • Silent Yachts – Upgraded Silent 55

Silent Yachts presenta a Cannes, in anteprima mondiale, la nuova versione del Silent 55, l’unico catamarano d’alto mare con propulsione elettrica alimentata energia solare disponibile sul mercato.
Rispetto alla versione precedente, il New Silent 55 vanta una maggior durata delle batterie e motori elettrici due volte più potenti. 
Per il resto, la filosofia del New Silent 55 rispecchia quella del precedente modello:

Prosulsione elettrica alimentata grazie a 30 pannelli solari in grado di produrre fino a 10 kilowatt; nessuna necessità di usare generatori per l’aria condizionata mentre si è all’ancora e cinque diversi layout  (da tre a sei cabine) tra cui scegliere quello che meglio soddisfa le proprie necessità. Una barca totalmente ecologica che assicura il massimo comfort in navigazione e rispetta l’ambiente marino. 

  • Sirena Yachts – Sirena 88

Sirena Yachts presenterà a Cannes, in anteprima mondiale, la sua nuova ammiraglia: il Sirena 88. Lo yacht ha architettura navale ed esterni di German Frers e interni firmati da Cor D. Rover. Grazie ai volumi generosi, il Sirena 88 dispone di cinque cabine doppie una delle quali è una master suite con vista panoramica posizionata sul main deck.

Sullo stesso ponte c’è spazio anche per un grande salone con area relax e sala da pranzo per dieci, oltre naturalmente che per la galley. Il flying bridge sarà interamente dedicato alla vita sociale e avrà una parte protetta dal vento oltre a una piscina contornata da sun pad. L’architettura navale è firmata da German Frèrs e la costruzione è realizzata in infusione di resina e vanta un generoso uso di fibra di carbonio per contenere i pesi e ottimizzare il centro di gravità longitudinale e anche quello verticale.

  • Solaris Power – 48 open

Dopo il successo ottenuto dal Solaris Power 55’ Solaris Power continua ad innovare e rivisitare il concetto della lobster boat tradizionale americana, presentando in anteprima mondiale a Cannes il 48’ Open, il secondo modello della gamma che sarà disponibile anche in versione Hard-Top e Flybridge.

Il nuovo SolarisPower 48’ OPEN è stato concepito dallo stesso straordinario team che ha sviluppato il 55’ con Norberto Ferretti, Brunello Acampora e Giuseppe Giuliani.

Presenta una serie di unicità rispetto agli altri day-cruiser della stessa tipologia ed offre comfort e vivibilità superiori sia negli spazi interni che esterni.

  • Swan – Swan 48

Anteprima mondiale a Cannes per l’erede di un mito: lo Swan 48 disegnato da German Frers. Il nuovo Swan 48 sarà una barca da crociera oceanica disponibile con tre configurazioni della chiglia, standard, a basso pescaggio o performance profonda.

La carena è progettata per fornire un elevato momento di raddrizzamento dato in combinazione dalla zavorra della chiglia e dalle forme dello scafo. Questo porta insospettabili vantaggi durante la navigazione. La configurazione a doppio timone migliora l’equilibrio della barca, previene la tendenza all’orza e quindi restituisce piena sensibilità e piacere di conduzione mentre si guida ad angoli di sbandamento elevati.

Il piano di coperta è concepito per coniugare la comodità e la vivibilità esterne senza penalizzare attrezzatura e navigazione a vela.Gli interni prevedono un layout a tre cabine che comprende l’armatoriale a prua con un bagno privato, una cabina VIP a dritta e una cabina ospiti a sinistra, entrambe a poppa.

  • Van der Valk: Jangada2 – BeachClub 660 Flybridge
    A Cannes Van der Vale esporrà le sue ultime due barche varate: il BeachClub 660 Flybridge e un 32 metri custom Raised Pilothouse: Jangada 2

Jangada 2 – Costruito per un cliente già proprietario di un Van der Valk, Jangada 2 è la sesta e più grande unità della serie Raised Pilothoude del cantiere. 

La cooperazione tra il team di Van der Valk e i designer Nick Top e Guide de Groot ha consentito di avere layout innovativi e soluzioni mai viste prima. Gli interni, inoltre, sono straordinariamente affascinanti minimal come sono.
 Il BeachClub 660 Flybridge consentirà invece di mostrare ai visitatori un sistema unico e brevettato di posizionamento dei motori sotto la piattaforma poppiera che consente di liberare spazio a bordo.

Bellissime anche le linee esterne della barca firmate da Cor D. Rover a la straordinaria architettura navale di Ginton Naval Architects.

Wally Yachts – 48Wallytender

Anteprima mondiale a Cannes per il 48Wallytender.Lo scafo, di cui sono già state vendute tre unità, offre ampi spazi in coperta e volumi interni generosi senza però intaccare quegli stilemi, come il parabordo che contorna tutto lo scafo, che distinguono il design Wally, sintesi di forma e funzione. Gli spazi esterni prevedono comode sedute, ampi prendisole e una zona pranzo servita da una cucina attrezzata.

Le sezioni di murata a poppa della barca abbattibili su entrambi i lati sono in dotazione standard, come pure la passerella retrattile, che si trasforma in una pratica scaletta di accesso al mare. I sedili di poppa possono essere rivolti sia verso prua che verso il tavolo da pranzo. Negli interni, il 48 Wallytender offre una suite completa dai grandi volumi, vincendo la scommessa di alzare il bordo libero senza intaccare la purezza delle linee dello scafo. La motorizzazione standard prevede due Volvo IPS 650 – 960 hp totali, per una velocità massima di 38 nodi, ed è dotata di un joystick di manovra per facilitare le fasi d’ormeggio.