801 Views |  Like

Achille Salvagni: quando l’arte diventa design

Achille Salvagni è un artista prestato al design. Bastano pochi minuti di chiacchiere con lui per rendersene conto e per capire come mai i suoi ambienti riscuotano tanto successo nel mondo dello yachting, e non solo in quello.Romano, architetto, Salvagni è un amante del bello tout court, un grande appassionato di storia e un fine cultore del mondo del design, dei personaggi che lo hanno reso grande e della sua evoluzione.

ACHILLE_SALVAGNI_ROMA_10LUG2018_0185_BN

Mantiene, più per carattere che per calcolo, un profilo schivo. Ciononostante è diventato, nel giro di pochi anni, uno dei go-to name dello yachting mondiale.

ACHILLE_SALVAGNI_ROMA_10LUG2018_0107

Merito sicuramente delle sue innate doti artistiche e della sua interpretazione del design che, per lui, è qualcosa che lascia un messaggio indelebile nell’oggetto e condiziona l’esistenza delle persone. «L’espressione artistica si può non curare della reazione che suscita nell’osservatore, mentre quella tecnica si deve curare solo della funzione e può prescindere dall’estetica.

A Paris Interior

A Paris Interior

Invece il design deve tener conto di entrambe le cose, condiziona sia l’utilizzo sia il piacere dei sensi e impatta sensibilmente nel nostro animo e nella qualità della nostra vita. Una bella responsabilità!», spiega.

Achille Salvagni Atelier

Achille Salvagni Atelier

Il segreto di Achille Salvagni è proprio in questa responsabilità che lui sente di avere nei confronti di chi vivrà le sue creazioni e nel suo approccio alla storia. Gli interni, per lui, sono veri e propri ritratti di chi li abita filtrati attraverso le sue visioni dell’arte e del design e basati su un principio di identità più che di stile. E le sue visioni di arte e design non sono quelle che vanno per la maggiore in questo momento e che prevedono l’accostamento più o meno gradevole di elementi di interior design prodotti dalle grandi marche.

20180831_184238-2

Lui i mobili, gli arredi e i complementi non li sceglie, li crea. «Quando ho cominciato ad avere clienti che chiedevano progetti autorevoli ho cercato di capire come operassero i grandi designer americani e ho intuito come il loro segreto fosse il circondarsi di oggetti unici. Per i loro progetti non attingevano al mercato dell’industrial design, ma si rivolgevano ad artisti per creare esperienze uniche», spiega Salvagni. «Ed è stato lì che ho scoperto quanto mi divertiva e mi gratificava creare elementi ad hoc che, inoltre, piacevano al cliente più di quelli proposti dal mondo dell’industrial design», conclude.

Achille Salvagni Atelier

Achille Salvagni Atelier

Sulle creazioni di Achille Salvagni si potrebbe scrivere un intero libro da tanto sono colte, affascinanti e uniche. Ma la loro bellezza è talmente intrinseca da colpire anche l’immaginario di chi non ha alcuna cultura in materia di design o di arte ed è per questo che piacciono a un pubblico eterogeneo formato dai grandi nomi dell’arte e della finanza così come dai proprietari di grandi megayacht o di yacht di serie. Merito dei mille richiami culturali che trasmettono senza mai dare la possibilità di afferrarne qualcuno.

Onboard Aurora

Onboard Aurora

«Questo è uno dei giochi che preferisco», spiega, «codificare un ambiente in base a ciò che è e al luogo in cui si trova, ma inserirci anche richiami diversi che, a seconda delle occasioni, possono spaziare dal design italiano degli Anni 40 o 50 a quello scandinavo, passando per citazioni coloniali o reminiscenze del Rinascimento o del Medioevo.», racconta Achille Salvagni, «Questo mi dà modo di creare ambienti estremamente intimi e così ricchi di flair e morbidezza da sembrare il frutto della maturità del committente e della sua storia».

Onboard Aurora

Onboard Aurora

Altro elemento fondamentale delle opere di Salvagni sono le patine, le finiture e le lavorazioni antiche che, oltre a trasformarle in oggetti itnriganti e affascinanti le rendono anche uniche. «Con il tempo, e in modo assolutamente casuale, ho intercettato una serie di artigiani romani votati da generazioni al restauro di palazzi nobiliari, pezzi antichi e manutenzioni del Quirinale o del Vaticano.

ACHILLE_SALVAGNI_ROMA_10LUG2018_0084

Questa cosa mi ha fatto riflettere e ho pensato che fossero un valore da riscoprire. Sono andato a vedere quello che sapevano fare e poi ho creato degli oggetti intorno alla loro capacità», spiega l’architetto romano. «Le patine dei miei bronzi e dei miei legni, le gommalacche e le dorature sono le stesse che si usano per restaurare un mobile del 700 e sono fatte come si facevano allora.

Onboard Endeavor

Onboard Endeavor

Sono sapienze antiche che ho riscoperto e messo al centro della mia arte in maniera contemporanea», conclude. Queste stesse lavorazioni sono usate da Salvagni anche per le sue opere in edizione limitata che espone nel suo atelier Londinese di Mayfair o da Maison Gerard a New York e che lo hanno consacrato nell’Olimpo dei designer del terzo millennio, tanto che i suoi pezzi sono battuti nelle più prestigiose case d’asta mondiali e raggiungono ormai quotazioni stellari.

Onboard Azimut Grande 35m

Onboard Azimut Grande 35m

Recentemente il nome di Salvagni è stato associato a quello di molti megayacht ma, anche se pochi lo sanno, la sua carriera nello yachting parte da lontano.
Nel 2011 Salvagni è poi entrato nel mondo dei megayacht dalla porta principale disegnando gli interni di Numptia, un 70 metri di Rossinavi con esterni di Tommaso Spadolini. Uno scafo che, a modo suo, ha segnato la storia dei megayacht moderni.

Onboard Azimut Grande 35m

Onboard Azimut Grande 35m

Poi, sempre con Rossinavi, è stata la volta di Aurora ed Endeavour II, rispettivamente un 49 e un 50 metri con esterni di Fulvio de Simoni e Enrico Gobbi.

Onboard Endeavor

Onboard Endeavor

Oggi Salvagni firma anche gli interni della linea Grande di Azimut che ha deciso di investire proprio nell’artidesigner romano per rilanciare non tanto una gamma, ma l’idea stessa di barca di serie. Pochi lo sanno, ma Salvagni ha firmato anche gli interni per due Perini Navi mai costruiti. Ed è un peccato, perché il mondo della vela avrebbe davvero bisogno del suo genio creativo.